Chiudi X

Remer Treviglio – Alma Pallacanestro Trieste 62-82

0

 

 

Remer Treviglio – Alma Pallacanestro Trieste 62-82 (13-30, 23-17, 15-15, 11-20)

 

Remer Treviglio: James Frazier 23 (5/10, 1/7), Andrea Pecchia 12 (4/6, 1/2), Andrea Mezzanotte 8 (1/3, 1/4), Jacopo Borra 7 (2/6, 0/0), Emanuele Rossi 5 (1/3, 1/1), Tommaso Marino 5 (0/1, 1/5), Mattia Palumbo 2 (1/1, 0/1), Alan Voskuil 0 (0/1, 0/3), Marco Planezio 0 (0/1, 0/3), Nemanja Dincic 0 (0/0, 0/1), Ursulo D’almeida 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 19 / 29 – Rimbalzi: 33 12 + 21 (Jacopo Borra 9) – Assist: 7 (Andrea Pecchia 3)

 

Alma Pallacanestro Trieste: Javonte damar Green 23 (6/10, 1/2), Daniele Cavaliero 13 (1/3, 3/6), Roberto Prandin 9 (2/4, 1/2), Federico Mussini 8 (2/6, 1/2), Laurence Bowers 8 (2/7, 1/2), Matteo Da ros 7 (3/9, 0/2), Alessandro Cittadini 6 (3/4, 0/1), Juan Fernandez 4 (2/2, 0/2), Giga Janelidze 2 (0/0, 0/0), Matteo Schina 2 (0/0, 0/0), Federico Loschi 0 (0/0, 0/0), Lodovico Deangeli 0 (0/0, 0/0)

 

Tiri liberi: 19 / 21 – Rimbalzi: 36 10 + 26 (Javonte damar Green 14) – Assist: 12 (Matteo Da ros 4)

 

STANDING OVATION PER LELE ROSSI E TOMMY MARINO

 

———————————————————————

Remer Treviglio – Alma Pallacanestro Trieste 62-82

Terzo atto dell’ottavo di play off tra Trieste e Treviglio. Per i padroni di casa imperativo prolungare la serie. Si rivede Voskuil con Easley a riposo. La partenza è devastante per Trieste che pronti via va sul 6-0 con Bowers e Cavaliero da tre. Per Treviglio risponde Mezzanotte dalla lunetta. A -8’26” altra tripla di Cavaliero. Si vede Frazier con un assist per Mezzanotte. Bowers continua il suo show indisturbato. A -6’54” altra tripla di Mezzanotte. Janelidze commette il suo secondo fallo ma Frazier non completa il gioco dalla lunetta (1 su 2). A -5’09” canestro e fallo per Mussini. La successiva bomba di Bowers costringe Vertemati al time out. A -3’30” anche la fortuna aiuta Green per il +11 e Cittadini subito dopo incrementa il divario. Green passeggia in area trevigliese per il devastante parziale di 12-0. Frazier interrompe l’inerzia triestina con un 2 su 3. A -2′ altri due punti di Cittadini dal pitturato. Treviglio segna solo dalla lunetta (o ci prova, vista la media di circa il 50%). Anche Green realizza dalla carità. A -57″ tripla di Prandin. Subito dopo Dincic fa 0-2 dalla lunetta. Marino, sull’ottavo fallo di Trieste, fa finalmente il pieno dai liberi. La frazione si chiude con un eloquente 13-30, con gli ospiti in pieno controllo della gara. Secondo tempo che si apre con Da Ros, che si ripete poco dopo dalla lunetta (1 su 2). A -8’32” viene fischiato un antisportivo a metà campo ad un nervoso Voskuil. Per Janelidze due punti dalla carità (+22). Trieste gioca in scioltezza con una seconda opportunità interrotta solo dalla sirena dei 24”. A -7’32” tripla di Pecchia mentre Loschi, in attacco, compie il suo secondo fallo. A -6’38” azione caparbia di Pecchia. Frazier cerca le incursioni in area ma rimedia solo due tiri dalla lunetta. Anche Green fa un 2 su 2. Risponde in penetrazione Frazier con Pecchia che lo imita. Time out Trieste. Si riprende ancora dalla lunetta ma stasera per Treviglio i tiri liberi sono un rebus: 1 su 2 di Andrea. La gara va avanti sul filo dei nervi con continui contatti e anche Green va ai tiri liberi. Ancora Pecchia protagonista (prova veramente di carattere e grinta per il n. 6 che realizza un canestro molto difficile, pressato da tre avversari). Ancora Pecchia a -4’20”. Risponde Bowers, aiutato dal ferro. E’ un duello Green (già a 15 punti)- Pecchia (che raggiunge la doppia cifra) con botta e risposta che muovono il risultato, sempre comunque appannaggio dei triestini. A -2’17” Frazier si prende un altro fallo per l’1 su 2. Borra recupera in rimbalzo in attacco e subisce fallo da Bowers (3^ fallo per l’americano). Si rivede Cavaliero dall’area poi Janelidze arriva al 4^ fallo con Borra che fallisce entrambe le opportunità ai liberi. Pecchia giganteggia in un rimbalzo offensivo e Marino è lestro a scoccare la tripla. Cittadini va via in contropiede mentre anche Mezzanotte sporca le sue percentuali con un 50% dalla carità. L’ultima azione è di Borra che realizza da sotto. Un tentativo sulla sirena di Frazier non ha fortuna e si va al riposo con Treviglio sotto di 11. Dopo l’intervallo lungo si riparte da Da Ros. Si prova a sfruttare la velocità di Frazier ma gli spazi sono chiusi e il numero 30 deve spesso forzare il tiro. Il tempo scorre e bisogna arrivare a -6’44” per vedere nuovamente un canestro con Borra. Segue la schiacciata di Green. Sull’ennesima palla persa di Treviglio e sul parziale di 2-8 per Trieste, Vertemati chiama time out. A -4’11” un dubbio fallo fischiato a centro campo su Cavaliero infiamma il pubblico di casa. Ancora dubbi sulla scelta arbitrale di non concedere un canestro a Treviglio (evidente interferenza…) ma Frazier sistema tutto con una provvidenziale bomba. Si lotta sotto canestro e Rossi segna di prepotenza, lasciando Treviglio ancora in partita (-12). Passano pochi secondi ed uno scontro in area triestina per un fallo su Prandin accende una mini rissa sedata a fatica. Interviene impropriamente Voskuil, in quel momento in panchina, e l’americano colleziona la seconda espulsione consecutiva (dopo quella di gara 1) concludendo mestamente una serata incolore fatta di 15‘ senza punti. Trieste guadagna così anche quattro punti sui tiri liberi di Prandin e Cavaliero. Treviglio accusa il colpo e per Green è un gioco da ragazzi andare ancora a canestro. Frazier riprende in mano la squadra con 6 punti consecutivi (4 dalla lunetta). Bowers mantiene le distanze e a -22” c’è da registrare un bel canestro da sotto di Palumbo. Frazione che si chiude, nonostante tutto con un parziale di 15-15 e Treviglio ancora potenzialmente in gara. Nell’ultimo tempo esce la maggior freschezza e freddezza di Trieste. Riapre Fernandez, cui risponde il solito Frazier. A -8’36” tripla di Mussini. Ancora Frazier da sotto ma le distanze tornano invariate con Fernandez. Pecchia prova a scuotere i suoi ma l’ennesimo canestro di Mussini obbliga al time out Treviglio. Si riparte con Frazier che prova a forzare, senza fortuna, da tre. Seguono un canestro di Da Ros, ancora Frazier e poi, a -4’23” la tripla di Cavaliero che di fatto pone fine alla sfida. Il resto serve solo per le statistiche. Contropiede di Da Ros per Prandin (+19) e nuovo time out Treviglio. Trieste riprende cominciando a far girare palla e giocando con il cronometro. A -1’37” seconda tripla della serie per Rossi, poi Prandin in allontanamento. Siamo ai saluti finali. Vengono chiamati in panchina prima Pecchia e poi Rossi (in lacrime) e Marino. Finisce con gli oltre 2.000 del Palafacchetti in piedi a tributare un grande grazie a questa squadra che ha permesso di vivere ancora delle emozioni in quest’ultimo mese di gare e con i tifosi ospiti a chiamare a viva voce la Serie A. Vince Trieste, francamente superiore a questa volenterosa Remer, che ha saputo sfruttare al meglio ogni energia nervosa, in una serie che è stata comunque giocata con una significativa (a volte forse oltre i limiti) intensità agonistica. Per Treviglio, le conferme arrivano da Frazier, autore, al pari di Green, di 23 punti e da Pecchia, 12 punti, 7 rimbalzi e 7 falli subiti. Si chiude quindi stasera la stagione bianco blu. Per le analisi ed il bilancio ci sarà tempo. L’ultima immagine è quella dei Rangers a bordo campo e molti tifosi sulle tribune che continuano ad applaudire i ragazzi di Vertemati in una sorta di abbraccio virtuale e di ringraziamento per un’annata comunque da ricordare.

Giuseppe De Carli