Chiudi X

La Pallacanestro Trapani tra i migliori settori giovanili d’Italia

La Federazione Italiana Pallacanestro ha diramato nei giorni scorsi il ranking dei migliori settori giovanili d’Italia.

 

Secondo un algoritmo che si basa su diversi aspetti (risultati sportivi, qualifiche dello staff ecc.), la Pallacanestro Trapani è stata collocata al trentacinquesimo posto in classifica. Trapani, secondo questo ranking della Federazione Italiana Pallacanestro, è la prima realtà cestistica giovanile della Sicilia e del centro-sud. La formazione che occupa il primo posto in assoluto è la Virtus Bologna.

 

Il settore giovanile granata nel corso della scorsa stagione ha visto le vittorie dei titoli regionali Under 15 e Under 16, oltre alla prima partecipazione dell’Under 18 Eccellenza al campionato nazionale Giancarlo Primo, arrivando tra le prime dodici formazioni d’Italia, ad un passo dalle finali nazionali di categoria.

 

DICHIARAZIONI

Claudio Carofiglio (responsabile settore giovanile): «In Italia ci sono diverse centinaia di settori giovanili, almeno sulla mappa geografica. Il primo pensiero leggendo i nomi delle formazioni che occupano i primi posti del ranking è che il sud sarebbe inesistente se non ci fosse la presenza della Pallacanestro Trapani. Le formazioni siciliane sono oggettivamente penalizzate rispetto ad altre realtà d’Italia ed accumulare punti per il ranking della Federazione Italiana Pallacanestro è più complesso. Il risultato venuto fuori da questa analisi rappresenta un motivo d’orgoglio per la società ed è una piccola gratificazione del lavoro svolto negli ultimi anni. Credo che siano maturi i tempi per valutare se fare un salto di qualità o investire energie in altre direzioni. Alla luce dei risultati prodotti dal nostro settore giovanile, penso che sarebbe interessante se Trapani si ponesse veramente come polo alternativo alle realtà cestistiche giovanili del centro-nord: ciò è sicuramente una bella responsabilità. L’auspicio è che si possa migliorare ancora e scalare altri posti negli anni a venire per rappresentare ancor di più il basket giovanile italiano».