Chiudi X

L'Use Computer Gross travolge Lucca

88-46

USE COMPUTER GROSS
Sesoldi 13, Giannini 16, Giarelli 11, Caceres 3, Raffaelli 15, Gaye 3, Falaschi 4, Calugi, Landi, Antonini 6, Perin 11, Vanin 6. All. Marchini (ass. Magangoli/Corbinelli)

BASKETBALL CLUB LUCCA
Okiljevic, Pagni 3, Genovese 15, Vico 7, Simonetti ne, Petrucci 2, Bartoli 4, Del Debbio, Pierini, Banchi, Drocker 3, Kushchev 8. All. Catalani

Arbitri: Schena di Castellana e Galluzzi di Brindisi

Parziali: 23-12, 49-22 (26-10), 65-34 (16-12), 88-46 (23-12)

Ci voleva, dopo tre sconfitte consecutive l'Use Computer Gross torna al successo e lo fa in modo netto e roboante. L'88-46 col quale travolge Lucca non ammette repliche e parla da solo, raccontando di una partita praticamente perfetta. La squadra di Marchini ritrova soprattutto le proprie certezze difensive e su queste costruisce il successo. I 12 punti appena che concede nella prima frazione (22 a metà partita) sono il modo migliore di iniziare una gara che sicuramente era stata approcciata con qualche fantasma nella testa dopo le tre sconfitte consecutive, fantasmi scacciati via nel giro di qualche minuto. 
Con Raffaelli, Caceres e Giannini ecco subito l'11-4 ed arrivare al 17-8 è un attimo. Il canestro è murato, la palla circola bene e va sempre nelle mani del giocatore più libero, un gioco d'insieme che fa lievitare anche le percentuali al tiro. Lucca non pervenuta ed al 10' siamo 23-12. Dal punto di vista offensivo la seconda frazione è la migliore e si chiuderà con ben 26 punti a referto. Giannini fissa il più 20 (36-16) ed al riposo lungo siamo 49-22. Il ritorno in campo che tanto brutto era stato con Palermo, stavolta è perfetto tanto che la tripla di Giannini è quella del 52-22. La Computer Gross fa sempre canestro, Raffaelli non sbaglia mai, Sesoldi mette 3/3 dalla lunga e gli altri non sono da meno. Minuti e gloria meritata anche per il giovane Falaschi che mette insieme minuti che lo aiutano a crescere ancora. Dopo il passaggio al 30' sul 65-34, nel finale il divario diventa a tratti imbarazzante. Si gioca solo per arrivare alla sirena finale col tabellone che recita 88-46. E domenica ancora derby, stavolta a Piombino.