Chiudi X

Crema, troppi errori, il derby va a Piadena

Un combattutissimo derby cremonese, conclusosi solamente dopo un overtime, va all'MgKVis Piadena, capace di espugnare il PalaCremonesi al cospetto di una Pallacanestro Crema troppo imprecisa al tiro ed a tratti farraginosa nella propria manovra d'attacco.

I rosanero di casa, come a Bernareggio, hanno giocato un match di grande volontà ma, stante la supremazia ospite sotto le plance, hanno spesso abusato del tiro da tre punti, finendo il match con un insufficiente 22% dall'arco, comprensivo di un buon numero di errori su tiri non contestati.

Peccato perché proprio come mercoledì i ragazzi di Garelli sono partiti bene, mettendo sotto gli avversari e chiudendo in vantaggio una combattutissima prima frazione.

Leone all'inizio ha creato problemi alla difesa cremasca sfruttando il  vantaggio fisico contro Forti portandolo in post basso, ma lo stesso playmaker cremasco si rifaceva spesso in fase offensiva mostrando ottimi segnali di miglioramento della condizione fisica.

Un positivo Fabi portava avanti i suoi con cinque punti consecutivi ed il tempo finiva 21 a 18 per Crema.

Crema provava l'allungo nel secondo quarto portandosi a + 4 ma Piadena trovava punti dall'atleticità di Lorenzetti e dalla solidità sotto i tabelloni di Olivieri.

A 2' dall'intervallo lungo il sorpasso, con il tempo che si chiudeva sul 37 a 36 per gli ospiti.

La squadra di Tritto usciva meglio dai blocchi nel secondo tempo prendendo anche un buon vantaggio.

Chiuso il terzo quarto sul 57 a 53, Piadena trovava anche il vantaggio in doppia cifra (57/68 al 35') ma arrivava la reazione dei padroni di casa.

Forti rubava un paio di palloni e subiva due sfondamenti, otre a trovare un importante canestro.

Del Sorbo e Motta completavano l'opera e Crema rientrava.

Piadena allungava ancora ma gli ultimi 3' erano tutti dei padroni di casa.

Il via alla rimonta lo dava Brambilla che rubava palla ed andava a schiacciare, la tripla di Del Sorbo valeva il -1 e Lorenzetti faceva solo 1 su 2 ai liberi.

Quattro punti consecutivi di Forti fissavano il punteggio sul 77 pari al 40'.

Sull'inerzia della rimonta Crema si portava sull'81 a 77 ma da qui in avanti la banda di Tritto prendeva il sopravvento.

A pochi secondi dalla fine Leone trovava il canestro decisivo, mentre Crema con 9" da giocare non trovava i due punti che avrebbero permesso un nuovo overtime.

"Peccato perché la squadra, dopo lo svantaggio, ha saputo reagire", il commento del viceallenatore cremasco Pedroni.

"La verità però è che non dobbiamo andare sotto di 10 perché le rimonte costano fatica, soprattutto in una settimana nella quale si è giocato tre volte".

Ora Crema è attesa da una impegnativa trasferta a Vigevano.

 

Marco Cattaneo